38th anniversary 
BY ENRICO R. COMI, SINCE 1981   SPAZIO UMANO 2017
Presentazione di Enrico R. Comi Spazio   Umano   /   Human   Space   è   la   mia   Rivistalibro.   Allo   stesso   tempo, una   rivista,   un   libro,   l’una   e   l’altro   e   qualcos’altro:   un   lavoro   d’autore.   Un mio   lavoro   creativo   che   realizzo   attraversando,   di   volta   in   volta,   i   diversi linguaggi   anche   con   collaborazioni   e   contributi   di   altri   autori   –   artisti   visivi (pittura,   scultura,   fotografia,   installazione,   performance,   video,   web…), artisti   di   altri   linguaggi   (poesia   e   altre   forme   di   scrittura,   cinema,   teatro, musica,     danza…architettura,     design...),     critici,     curatori,     direttori     di museo,    accademici,    galleristi,    collezionisti,    scrittori,    filosofi,    scienziati, ricercatori,   professori   universitari,   studiosi,   umanisti,   operatori   vari   …–   , di   ogni   parte   del   mondo.   Un   lavoro   che   realizzo,   come   autore,   poeta, scrittore,    sceneggiatore,    regista,    scegliendo,    in    modo    incondizionato, quali altri autori entrano con il loro specifico contributo, nel mio progetto. Analogicamente,    lavoro    a    Spazio    Umano    /    Human    Space    operando come   un   regista   cinematografico   che   scrive   e   realizza   la   sceneggiatura del film e ne è anche uno dei protagonisti. Lavoro    durante    tutte    le    fasi    di    realizzazione    della    Rivistalibro,    con    il metodo     del     work     in     progress,     in     stretto     contatto     con     la     realtà internazionale   più   viva.   Lavoro   alla   costruzione   di   un   ambito   linguistico   e di   linguaggi   aperto   a   tutte   le   culture,   in   presa   diretta   con   la   condizione umana,   i   cui   protagonisti   sono   l’essere   umano,   la   persona,   la   dignità umana… L’insieme   dei   quarantadue   numeri   della   mia   Rivistalibro   Spazio   Umano   / Human   Space   è   una   collezione   di   opere,   che   può   essere   considerata una    sorta    di    laboratorio    della    mia    attività    creativa.    Uno    speciale laboratorio   che   realizzo   viaggiando   continuamente   per   il   mondo,   da   un contesto   all’altro,   sempre   alla   ricerca   di   un   qualcos’altro   attorno   a   cui ogni   singolo   numero   ruota   come   risultante   e   matrice   generante.   In   quel laboratorio   senza   luogo,   e   tuttavia   ‘luogo’   di   qualsiasi   luogo   e   di   qualsiasi non-luogo,   invento   i   mezzi,   e   sperimento   i   materiali   e   le   tecniche   e   i modi,   per   realizzare   il   mio   Progetto,   le   mie   speciali   costruzioni   capaci   di esprimere   il   proprio   carisma,   la   propria   energia,   sia   come   opere   singole, ciascuna   considerata   in   sé   e   per   sé,   sia   come   opere   facenti   parte   di   un insieme   nel   quale   ciascuna   di   esse   mantiene   la   propria   autonomia,   allo stesso   modo   di   un   dipinto   o   di   una   scultura   o   di   una   installazione   o   di   un video    in    una    collezione    d’arte    visiva.    Un    modo    di    operare    che presuppone   l’idea   di   un   cantiere   sempre   aperto,   in   effervescenza,   tra invenzione,         sperimentazione,         trasformazione,         rigenerazione, innovazione.   Un   modo   di   creare   che   fa   parte   di   te   e   ti   consente   di cambiare rimanendo sempre te stesso, comunque tu ti esprima.
ORIGINAL SERIES, 1981-1992
NEW SERIES, 2015
BY YEARS THE MAGAZINEBOOK THE MAGAZINEBOOK
COVERS
CLICK TO CONNECT READING ROOM
& INDICES
NEW SERIES, 2016
CLICK TO CONNECT INDEX OF  ARTISTS
38th anniversary 
BY ENRICO R. COMI, SINCE 1981   SPAZIO UMANO 2017
Presentazione di Enrico R. Comi Spazio   Umano   /   Human   Space   è   la   mia   Rivistalibro.   Allo   stesso   tempo,   una rivista,   un   libro,   l’una   e   l’altro   e   qualcos’altro:   un   lavoro   d’autore.   Un   mio   lavoro creativo   che   realizzo   attraversando,   di   volta   in   volta,   i   diversi   linguaggi   anche con   collaborazioni   e   contributi   di   altri   autori   –   artisti   visivi   (pittura,   scultura, fotografia,   installazione,   performance,   video,   web…),   artisti   di   altri   linguaggi (poesia   e   altre   forme   di   scrittura,   cinema,   teatro,   musica,   danza…architettura, design...),   critici,   curatori,   direttori   di   museo,   accademici,   galleristi,   collezionisti, scrittori,   filosofi,   scienziati,   ricercatori,   professori   universitari,   studiosi,   umanisti, operatori   vari   …–   ,   di   ogni   parte   del   mondo.   Un   lavoro   che   realizzo,   come autore,     poeta,     scrittore,     sceneggiatore,     regista,     scegliendo,     in     modo incondizionato,   quali   altri   autori   entrano   con   il   loro   specifico   contributo,   nel   mio progetto. Analogicamente,   lavoro   a   Spazio   Umano   /   Human   Space   operando   come   un regista   cinematografico   che   scrive   e   realizza   la   sceneggiatura   del   film   e   ne   è anche uno dei protagonisti. Lavoro   durante   tutte   le   fasi   di   realizzazione   della   Rivistalibro,   con   il   metodo   del work   in   progress,   in   stretto   contatto   con   la   realtà   internazionale   più   viva.   Lavoro alla   costruzione   di   un   ambito   linguistico   e   di   linguaggi   aperto   a   tutte   le   culture, in    presa    diretta    con    la    condizione    umana,    i    cui    protagonisti    sono    l’essere umano, la persona, la dignità umana… L’insieme    dei    quarantadue    numeri    della    mia    Rivistalibro    Spazio    Umano    / Human   Space   è   una   collezione   di   opere,   che   può   essere   considerata   una   sorta di   laboratorio   della   mia   attività   creativa.   Uno   speciale   laboratorio   che   realizzo viaggiando   continuamente   per   il   mondo,   da   un   contesto   all’altro,   sempre   alla ricerca    di    un    qualcos’altro    attorno    a    cui    ogni    singolo    numero    ruota    come risultante    e    matrice    generante.    In    quel    laboratorio    senza    luogo,    e    tuttavia ‘luogo’    di    qualsiasi    luogo    e    di    qualsiasi    non-luogo,    invento    i    mezzi,    e sperimento   i   materiali   e   le   tecniche   e   i   modi,   per   realizzare   il   mio   Progetto,   le mie    speciali    costruzioni    capaci    di    esprimere    il    proprio    carisma,    la    propria energia,   sia   come   opere   singole,   ciascuna   considerata   in   sé   e   per   sé,   sia   come opere   facenti   parte   di   un   insieme   nel   quale   ciascuna   di   esse   mantiene   la propria   autonomia,   allo   stesso   modo   di   un   dipinto   o   di   una   scultura   o   di   una installazione   o   di   un   video   in   una   collezione   d’arte   visiva.   Un   modo   di   operare che   presuppone   l’idea   di   un   cantiere   sempre   aperto,   in   effervescenza,   tra invenzione,   sperimentazione,   trasformazione,   rigenerazione,   innovazione.   Un modo   di   creare   che   fa   parte   di   te   e   ti   consente   di   cambiare   rimanendo   sempre te stesso, comunque tu ti esprima.
ORIGINAL SERIES  1981-1992
NEW SERIES, 2015
BY YEARS
& INDICES
THE MAGAZINEBOOK
NEW SERIES, 2016
INDEX OF  ARTISTS TAP TO CONNECT
COVERS