38th anniversary 
BY ENRICO R. COMI, SINCE 1981   SPAZIO UMANO 2017
Enrico   R.   Comi,   poeta,   saggista,   curatore   di   progetti   di   arte   contemporanea   a   livello   internazionale,   autore   e   regista   di   eventi   artistici, vive a Milano. Alla base della sua ricerca ci sono la condizione umana e la persona. Ha   realizzato   quaranta   volumi   della   Rivistalibro   Internazionale   di   Arte   e   Letteratura   Spazio   Umano   /   Human   Space   (da   lui   creata   e realizzata   in   contatto   con   le   più   avanzate   ricerche   artistiche   culturali   internazionali,   nel   periodo   1980-2015-),   di   diverse   collezioni   di poesie   -   lette   in   decine   di   istituzioni   internazionali   e   in   parte   pubblicate   sulla   Rivistalibro   Spazio   Umano   /   Human   Space   -   del   libro Emarginazione   e   Metropoli,   del   libro Arcaico   Contemporaneo/Archaic   Contemporary,   di   numerosi   saggi   (sull’arte,   le   culture   e   le   civiltà,   i media e la libertà d’espressione, la speranza, la pace, i diritti umani, i valori…) La rivistalibro Spazio Umano/Human Space è stata presentata in varie occasioni, insieme a Comi hanno partecipato agli incontri: Franco   Ferrarotti,   all’Università   di   Roma,   Istituto   di   Sociologia,   nell’ambito   di   una   serie   di   incontri,   nel   contesto   della   cattedra   di Sociologia, febbraio 1982; Giannino Piana e Sebastiano Vassalli, alla Biblioteca Civica “Negroni” di Novara, 18-3-1982; David   M.   Turoldo,   nell’ambito   della   partecipazione,   quale   ospite,   a   due   trasmissioni,   nel   contesto   della   rubrica   “Incontri”   del Gazzettino Padano (condotta dallo stessoTuroldo con la regia di Renzo Salvi), RAI, Milano, maggio 1982; Gillo Dorfles e Franco Fornari, allo Studio Marconi, Milano, 21-5-1982; Tullio   Tentori,   all’Università   di   Roma,   nell’ambito   di   una   serie   di   incontri,   nel   contesto   della   cattedra   di   Antropologia   Culturale, maggio 1983 Henry   Meyric   Hughes,   nella   sede   del   British   Council   di   Londra,   nell’ambito   di   una   serie   di   incontri   con   artisti,   critici,   curatori, galleristi, nel contesto del suo soggiorno, quale ospite dell’Istituzione, ottobre 1983; Serge   Gavronsky,   Maristella   Lorch   e   Arnold   Weinstein,   al   Barnard   College,   Columbia   University,   New   York,   Sulzberger   Parlor, Barnard   Hall,   nell’ambito   della   sua   lettura   personale   di   poesia,   promossa   da   Department   of   English   and   Comparative   Literature, Department    of    French,    Department    of    Italian,    School    of    the    Arts    –    Writing    Division,    nel    contesto    di    “Third    International Conference on Translation”, novembre 1985; Massimo Cacciari, Mario Merz e Franca Sciuto, alla Biblioteca Comunale    Sormani,   Milano,   18-12-1985   (con   il   patrocinio   di   Centre Culturel Français, Goethe Institut, The British Council, U.S.I.S.); con James Beck, alla Columbia University, New York, Department of Art History and Archaeology, 27-02-1987; con   Phyllis   Janowitz   e   Ingeborg   Wald,   alla   Cornell   University,   Ithaca,   N.Y.,   Art   Department,   College   of   Architecture,   Art   and Planning, 18-3-1987; Oswald Oberhuber, alla Hochschule für Angewandte Kunst, Vienna, 11-11-1987; Franz West e Peter Pakesch, alla Pakesch Gallery, Vienna, maggio 1988 Paul Vangelisti, all’Otis Art Institute of Parsons School of Design, Los Angeles, 12-12-1988; Luis Serpa, Galería Cómicos / Serpa, Lisbona, 14-3-1989 Chrystos   Joachimides,   nella   sede   di   ZEITGEIST   Gesellschaft,   nell’ambito   di   una   serie   di   incontri   con   artisti,   critici,   curatori, galleristi, nel contesto del suo soggiorno, quale ospite dell’Istituzione e del Goethe Institut, Berlino, 19-3-1989 con   Yusuf   Hadžifejzovic,   Radoslav   Tadic,   Enver   Hadžiomerspahic   e   Jesa   De   Negri,   all’Olympic   Center   "Skenderija",   Cultural Center, Sarajevo, 1-7-1989; Gorky Žuvela, al Palaca Milesi, nel contesto di “Art Ljeto ‘89”, Spalato, 21-8-1989; Michelangelo   Pistoletto,   Maristella   Lorch,   Pedro   Fiori   e   Francesco   Poli,   all’Unione   Culturale   Franco   Antonicelli,   Torino,   15-11- 1989; Willy Van den Bussche, al Provincial Museum voor Moderne Kunst, Ostenda, 2-12-1990; Jacques Bedel, Luis Benedict e Ruth Benzacar, alla Galéria Benzacar, Buenos Aires, settembre 1992; Dmitrij Prigov e Viktor Misiano, al Contemporary Art Centre, Mosca, 1993, nel contesto del seminario per curatori d’arte visiva. Dal   1989   è   Presidente   dell’Associazione   Culturale   Spazio   Umano,   fondata   con   l’obbiettivo   di   promuovere   la   ricerca,   la   sperimentazione, lo   sviluppo,   nell’ambito   dei   diversi   linguaggi   dell’arte   (arte   visiva,   cinema,   teatro,   musica,   danza,   poesia…),   della   cultura,   delle   scienze umane, delle tematiche relative alla condizione umana e alla centralità dell’essere umano come soggetto e come persona. Dall’autunno   1994   è   Direttore   del   Centro   Arte   Contemporanea   Spazio   Umano   /   Human   Space,   Milano,   per   il   quale   svolge   un’intensa attività    di    ideazione,    progettazione,    regia,    attraverso    la    realizzazione    di    eventi    artistici,    culturali,    multimediali:    mostre,    laboratori, seminari, incontri, dibattiti, conferenze, reading, performance… L’attività è ruotata a 360° attorno a due punti focali: dal 1994 al 1999, la realizzazione del Progetto “Sarajevo “2000” dal   1995,   la   realizzazionedel   Progetto   “Laboratorio   Europa”   /   “Laboratory   Europe”,   oggi   nel   vivo   di   un   processo   dinamico   il   cui   obiettivo è l’integrazione europea e l’interazione della cultura e della civiltà europea con le altre culture e civiltà Nel   settembre   1992   è   stato   nominato   Direttore   Artistico   del   Progetto   Culturale   Internazionale   “Sarajevo   2000”   dal   Ministro   della   Cultura della    Bosnia    e    Erzegovina    e    dal    Sindaco    di    Sarajevo    ed    è    stato    l’iniziatore    della    “Collezione    Permanente    del    Museo    d’Arte Contemporanea di Sarajevo nell’ottobre 1994.
PAGES
BIOGRAPHY
38th anniversary 
BY ENRICO R. COMI, SINCE 1981   SPAZIO UMANO 2017
Enrico   R.   Comi,   poeta,   saggista,   curatore   di   progetti   di   arte   contemporanea   a   livello internazionale, autore e regista di eventi artistici, vive a Milano. Alla base della sua ricerca ci sono la condizione umana e la persona. Ha   realizzato   quaranta   volumi   della   Rivistalibro   Internazionale   di   Arte   e   Letteratura Spazio   Umano   /   Human   Space   (da   lui   creata   e   realizzata   in   contatto   con   le   più avanzate    ricerche    artistiche    culturali    internazionali,    nel    periodo    1980-2015-),    di diverse   collezioni   di   poesie   -   lette   in   decine   di   istituzioni   internazionali   e   in   parte pubblicate   sulla   Rivistalibro   Spazio   Umano   /   Human   Space   -   del   libro   Emarginazione e   Metropoli,   del   libro   Arcaico   Contemporaneo/Archaic   Contemporary,   di   numerosi saggi   (sull’arte,   le   culture   e   le   civiltà,   i   media   e   la   libertà   d’espressione,   la   speranza, la pace, i diritti umani, i valori…) La   rivistalibro   Spazio   Umano/Human   Space   è   stata   presentata   in   varie   occasioni, insieme a Comi hanno partecipato agli incontri: Franco   Ferrarotti,   all’Università   di   Roma,   Istituto   di   Sociologia,   nell’ambito   di una serie di incontri, nel contesto della cattedra di Sociologia, febbraio 1982; Giannino    Piana    e    Sebastiano    Vassalli,    alla    Biblioteca    Civica    “Negroni”    di Novara, 18-3-1982; David    M.    Turoldo,    nell’ambito    della    partecipazione,    quale    ospite,    a    due trasmissioni,    nel    contesto    della    rubrica    “Incontri”    del    Gazzettino    Padano (condotta    dallo    stessoTuroldo    con    la    regia    di    Renzo    Salvi),    RAI,    Milano, maggio 1982; Gillo Dorfles e Franco Fornari, allo Studio Marconi, Milano, 21-5-1982; Tullio   Tentori,   all’Università   di   Roma,   nell’ambito   di   una   serie   di   incontri,   nel contesto della cattedra di Antropologia Culturale, maggio 1983 Henry   Meyric   Hughes,   nella   sede   del   British   Council   di   Londra,   nell’ambito   di una   serie   di   incontri   con   artisti,   critici,   curatori,   galleristi,   nel   contesto   del   suo soggiorno, quale ospite dell’Istituzione, ottobre 1983; Serge   Gavronsky,   Maristella   Lorch   e   Arnold   Weinstein,   al   Barnard   College, Columbia   University,   New   York,   Sulzberger   Parlor,   Barnard   Hall,   nell’ambito della   sua   lettura   personale   di   poesia,   promossa   da   Department   of   English   and Comparative   Literature,   Department   of   French,   Department   of   Italian,   School of   the   Arts   –   Writing   Division,   nel   contesto   di   “Third   International   Conference on Translation”, novembre 1985; Massimo    Cacciari,    Mario    Merz    e    Franca    Sciuto,    alla    Biblioteca    ComunalE Sormani,   Milano,   18-12-1985   (con   il   patrocinio   di   Centre   Culturel   Français, Goethe Institut, The British Council, U.S.I.S.); con    James    Beck,    alla    Columbia    University,    New    York,    Department    of   Art History and Archaeology, 27-02-1987; con   Phyllis   Janowitz   e   Ingeborg   Wald,   alla   Cornell   University,   Ithaca,   N.Y.,   Art Department, College of Architecture, Art and Planning, 18-3-1987; Oswald   Oberhuber,   alla   Hochschule   für   Angewandte   Kunst,   Vienna,   11-11- 1987; Franz West e Peter Pakesch, alla Pakesch Gallery, Vienna, maggio 1988 Paul    Vangelisti,    all’Otis    Art    Institute    of    Parsons    School    of    Design,    Los Angeles, 12-12-1988; Luis Serpa, Galería Cómicos / Serpa, Lisbona, 14-3-1989 Chrystos   Joachimides,   nella   sede   di   ZEITGEIST   Gesellschaft,   nell’ambito   di una   serie   di   incontri   con   artisti,   critici,   curatori,   galleristi,   nel   contesto   del   suo soggiorno,   quale   ospite   dell’Istituzione   e   del   Goethe   Institut,   Berlino,   19-3- 1989 con   Yusuf   Hadžifejzovic,   Radoslav   Tadic,   Enver   Hadžiomerspahic   e   Jesa   De Negri, all’Olympic Center "Skenderija", Cultural Center, Sarajevo, 1-7-1989; Gorky   Žuvela,   al   Palaca   Milesi,   nel   contesto   di   “Art   Ljeto   ‘89”,   Spalato,   21-8- 1989; Michelangelo    Pistoletto,    Maristella    Lorch,    Pedro    Fiori    e    Francesco    Poli, all’Unione Culturale Franco Antonicelli, Torino, 15-11-1989; Willy   Van   den   Bussche,   al   Provincial   Museum   voor   Moderne   Kunst,   Ostenda, 2-12-1990; Jacques   Bedel,   Luis   Benedict   e   Ruth   Benzacar,   alla   Galéria   Benzacar,   Buenos Aires, settembre 1992; Dmitrij   Prigov   e   Viktor   Misiano,   al   Contemporary   Art   Centre,   Mosca,   1993,   nel contesto del seminario per curatori d’arte visiva. Dal    1989    è    Presidente    dell’Associazione    Culturale    Spazio    Umano,    fondata    con l’obbiettivo   di   promuovere   la   ricerca,   la   sperimentazione,   lo   sviluppo,   nell’ambito   dei diversi   linguaggi   dell’arte   (arte   visiva,   cinema,   teatro,   musica,   danza,   poesia…),   della cultura,   delle   scienze   umane,   delle   tematiche   relative   alla   condizione   umana   e   alla centralità dell’essere umano come soggetto e come persona. Dall’autunno    1994    è    Direttore    del    Centro    Arte    Contemporanea    Spazio    Umano    / Human     Space,     Milano,     per     il     quale     svolge     un’intensa     attività     di     ideazione, progettazione,     regia,     attraverso     la     realizzazione     di     eventi     artistici,     culturali, multimediali:    mostre,    laboratori,    seminari,    incontri,    dibattiti,    conferenze,    reading, performance… L’attività è ruotata a 360° attorno a due punti focali: dal 1994 al 1999, la realizzazione del Progetto “Sarajevo “2000” dal   1995,   la   realizzazionedel   Progetto   “Laboratorio   Europa”   /   “Laboratory   Europe”, oggi   nel   vivo   di   un   processo   dinamico   il   cui   obiettivo   è   l’integrazione   europea   e l’interazione della cultura e della civiltà europea con le altre culture e civiltà Nel    settembre    1992    è    stato    nominato    Direttore    Artistico    del    Progetto    Culturale Internazionale   “Sarajevo   2000”   dal   Ministro   della   Cultura   della   Bosnia   e   Erzegovina   e dal   Sindaco   di   Sarajevo   ed   è   stato   l’iniziatore   della   “Collezione   Permanente   del Museo d’Arte Contemporanea di Sarajevo nell’ottobre 1994.
PAGES
BIOGRAPHY
PAGES